Un affascinante percorso in un mondo senza tempo, in luoghi incantati dove la natura e l’arte narrano la religiosità del Santo Patrono d’Europa Benedetto, proclamato patrono d’Europa nel 1958 da Paolo VI, oggi più che mai costituisce un esempio di profondità spirituale e impegno concreto nella comunità.

Con l’invito ora et labora, il santo traccia un “itinerario” quanto mai concreto e valido per un’autentica esperienza spirituale.

Un cammino di preghiera che conduce alla sua terra natale, Norcia dove, pur vivendo per pochi anni, fu educato ad una vita semplice e austera, fondata sulla famiglia e sul lavoro.

In queste vallate Benedetto conobbe la singolare esperienza di vita ascetica che i monaci orientali, giunti dalla Siria fin dal IV secolo, conducevano in grotte e rifugi isolati, alla ricerca di un contatto più profondo e autentico con Dio.

Il giovane fece tesoro di queste esperienze che trovarono una nuova e rivoluzionaria espressione nella Regola benedettina, dove la ricerca spirituale e l’impegno materiale si concretizzano all’interno della comunità monastica.

I religiosi attraverso i secoli abbandonarono l’austero ritiro nell’abbazia per avvicinarsi alle popolazioni che vivevano nei pressi del monastero, delle quali divennero fulcro spirituale, culturale ed economico.

monaci benedettini furono i principali evangelizzatori dell’Europa e contribuirono in modo decisivo alla rinascita morale e culturale del continente dopo le invasioni barbariche.

Chiesa di San Salvatore, Campi Antri leggendari, spelonche isolate e boschi sacri fanno delle terre di san Benedetto dei luoghi unici, dove il silenzio e la bellezza del paesaggio invitano alla meditazione e all’avvicinamento a Dio.

Le prime forme di ascetismo praticate da alcuni monaci siriani in Val Castoriana (nei pressi di Norcia) fin dal IV secolo, furono la culla del movimento monastico occidentale, fondato da san Benedetto.

L’itinerario tocca borghi e abbazie dalla storia millenaria, dove la stretta simbiosi dell’uomo con la natura da sempre ha caratterizzato l’esperienza religiosa e culturale di quelle genti.

Benedetto nacque a Norcia nel 480 d.C. e qui, sull’area di antiche costruzioni romane e, in particolare, della casa natia del santo, fu eretta la grande basilica di San Benedetto.

Il priorato di san Benedetto di Norcia era alle dipendenze della vicinaabbazia di Sant’Eutizio e, al seguito di alterne vicende che culminarono con la separazione delle due chiese, nel 1369 venne istituito un titolo abbaziale comune, sotto l’osservanza della Regola monastica.

Dopo appena un secolo le due comunità benedettine furono definitivamente separate e indipendenti l’una dall’altra.

Poco distante da Norcia è la chiesa di Santa Scolastica, eretta sul luogo in cui la santa organizzò il secondo ordine benedettino e dove visse fino a pochi anni prima della morte, quando si trasferì a Cassino per ricongiungersi al fratello Benedetto.

Fra gli antichi possedimenti dell’ abbazia di Sant’Eutizio, era la chiesa di San Salvatore di Campi, sotto il titolo di “pieve di Santa Maria“.

Questa, intorno al XII-XIII secolo, andò perdendo il suo prestigio e interesse religioso a causa al continuo sviluppo del nuovo castello di Campi, fin quando i prodigiosi miracoli di una grande immagine del Crocefisso richiamò nuovamente la devozione e la pietà dei fedeli.

Abbazia di San Cassiano
Narni
Scendendo a valle e lasciati alle spalle i borghi fortificati di Cerreto eVallo di Nera, s’incontra il piccolo centro di Castel San Felice arroccato su una piccola altura.

Alle sue pendici l’abbazia di San Felice si staglia con la bella facciata romanica contro il verde smagliante dei boschi.

Sotto la maestosa abside, alleggerita da lesene e archetti pensili, scorre tranquillo il Nera, svogliato come un gigante assopito per “farsi perdonare” le disastrose piene che, prima dell’arrivo dei benedettini, inondavano la valle circostante distruggendo il raccolto dei contadini e creando vaste zone paludose dove dilagava la malaria.

Continuando l’itinerario verso Terni si incontra nei pressi di Ferentillo la grande abbazia di San Pietro in Valle, sorta sul luogo di sepoltura di due eremiti orientali, Lazzaro e Giovanni, per volere del longobardo Faroaldo IIDuca di Spoleto.

Attraversate le montagne che separano la Valnerina dalla Valle Spoletina, si sale verso Monteluco dove si trovano numerosi insediamenti eremitici fondati da monaci siriani, come l’eremo di Sant’Antimo.

Gli eremiti di Monteluco, pur mantenendo il loro isolamento in piccole grotte disseminate sulle pendici del monte, dipendevano dalla vicinaabbazia di San Giuliano, eretta in questo periodo e assorbita nell’orbita benedettina dopo la morte del suo fondatore, sant’Isacco.

Il corpo del santo, morto intorno al 552 d. C. e sepolto nella chiesa di San Giuliano, nel corso del XVI secolo venne traslato nella cripta della chiesa di Sant’Ansano di Spoleto.

All’interno di Spoleto l’itinerario benedettino si snoda tra antichi edifici di culto, quali la chiesa di San Paolo inter vineas, risalente al X secolo e la basilica di Sant’Eufemia, annessa all’antica residenza Ducale (oggipalazzo Arcivescovile) ed unico edificio sacro in Umbria ad avere i matronei.

La chiesa di San Nicolò già nel XI secolo era alle dipendenze dell’abbazia di Sant’Eutizio di Precibenedettina fu pure l’anticachiesa di San Gregorio Maggiore, sorta su un’area cimiteriale dove venivano seppelliti i corpi dei martiri straziati nel vicino anfiteatro romano.

Appena fuori dalle mura cittadine si incontrano due antichi edifici cristiani, imponenti nelle strutture architettoniche ed eleganti nelle decorazioni plastiche, come il monastero di San Ponziano e la basilica di San Salvatore risalente al periodo paleocristiano.

Attraversando l’amena vallata spoletina alla volta dell’ abbazia di San Felice di Giano sui Monti Martani, si scopre un paesaggio incantevole, che allo stesso San Francesco ispirò la famosa frase “Nihil jucundius vidi valle mea spoletana” (non ho mai visto nulla di più piacevole della mia valle spoletina).

Abbazia San Pietro in ValleFerentillo
I Monti Martani, già evangelizzati intorno al IV secolo d.C. dai primi cristiani che si spostavano lungo l’antico tracciato della via Flaminia, conobbero l’opera benedettina attraverso due importanti complessi abbaziali sorti sulle fondamenta di edifici romani: l’abbazia dei Santi Fidenzio e Terenzio e di Santa Maria in Pantano presso Massa Martana.

Dei numerosi luoghi benedettini che arricchiscono l’Umbria, ricordiamo l’antica abbazia di San Benedetto al Subasio, da sempre testimone dell’amicizia tra francescani e benedettini e l’abbazia di San Silvestro di Collepino, fondata dallo stesso Benedetto e divenuta in seguito camaldolese.

Nei pressi di Foligno, percorrendo la stretta strada che attraversa l’angusta valle del torrente Renaro, appare maestosa l’antica abbazia di Santa Croce a Sassovivo arroccata sul ripido declivio della gola.

Sulle tracce della presenza benedettina nel ternano, partendo dall’antica chiesa di Sant’Alò di Terni, si attraversano borghi e castelli ricchi di storia; in alcuni casi si incontrano complessi edificati all’interno di centri storici fortificati, come il San Niccolò di San Gemini, in altri e più frequentemente, si incontrano abbazie sorte fuori dalle mura cittadine ed in prossimità dell’antico tracciato della via Flaminia.

Tra questi la splendida abbazia di San Cassiano di Narni, fondata già nella metà del VI secolo e fortificata con possenti mura per difendere lavia Flaminia, la chiesa di San Michele Arcangelo a Schifanoia e la vicina abbazia di Santa Pudenziana.

In prossimità dell’abitato di Taizzano, nel cuore della campagna narnese, sorge l’ abbazia di Sant’Angelo in Massa sui resti di un’antica villa romana. Salendo alla volta di Stroncone, s’incontrano due antichimonasteri benedettini che, nonostante il lento e progressivo abbandono, le loro austere vestigia romaniche, invitano ancora oggi il pellegrino al raccoglimento ed alla preghiera: l’abbazia di San Benedetto in fundis e l’ abbazia di San Simeone. Seguendo le orme diSan Benedetto, l’itinerario propone un percorso intenso seppur limitato geograficamente, che meriterebbe di essere allargato all’intera regione dell’Umbria, dove ogni pellegrino, compiendo un cammino tra fede, arte e natura, comprende che il suo cercare nella vita terrena lo condurrà ad una mèta più alta, alla luce che infonde di sé ogni uomo che le si avvicini, lo condurrà a Dio.

I luoghi di interesse:
Madonna, Basilica di San Benedetto
Norcia Basilica di San Benedetto
Norcia Chiesa di Santa Scolastica
Norcia Chiesa di San Salvatore di Campi
Norcia Abbazia di Sant’Eutizio
Preci Abbazia di San Felice di Narco
Sant’Anatolia di Narco Abbazia di San Pietro in Valle
Ferentillo Eremo di Sant’Antimo
Spoleto Chiesa di San Giuliano
Spoleto Chiesa di Sant’Ansano
Spoleto Chiesa di San Paolo inter vineas
Spoleto Chiesa di Sant’Eufemia
Spoleto Chiesa di San Nicolò
Spoleto Chiesa San Gregorio Maggiore
Spoleto Abbazia di San Ponziano
Spoleto Basilica di San Salvatore
Spoleto Abbazia di San Felice
Giano dell’Umbria Abbazia dei Santi Fidenzio e Terenzio
Massa Martana Abbazia di Santa Maria in Pantano
Massa Martana Abbazia di San Benedetto al Subasio
Assisi Abbazia San Silvestro
Spello Abbazia Santa Croce
Foligno Chiesa di Sant’ Alò
Terni Abbazia di San Benedetto in fundis
Stroncone Abbazia di San Simeone
Stroncone Abbazia di San Nicolò
Sangemini Abbazia di San Cassiano
Narni Abbazia di San Michele Arcangelo
Narni Chiesa di Santa Pudenziana
Narni Abbazia di Sant’Angelo in Massa
Narni

Comuni interessati dall’itinerario: Norcia, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Ferentillo, Spoleto, Giano dell’Umbria, Massa Martana, Assisi, Spello, Foligno Terni Stroncone, San Gemini, Narni.